You are currently viewing La scala delle note dei profumi
Piramide Olfattiva

La scala delle note dei profumi

“Mai avere fretta nella valutazione di un profumo di nicchia. Come per la buona musica, spesso è necessario un secondo e anche un terzo ascolto per comprendere che quello che stiamo sentendo ci piace” 

Quando si entra in contatto con un profumo, si attivano i sensi mediante un gesto naturale, un semplice respiro. Ogni persona ha un modo differente di percepire le fragranze con il respiro, eppure grazie alla loro composizione siamo tutti in grado di conoscere le fragranze ed avvertirle in modo oggettivo. Ciò dipende dal fatto che ogni profumo è composto da una piramide olfattiva.

    ●Piramide olfattiva: cos’è? 

La classificazione delle note che compongono un profumo è detta piramide olfattiva. Tale termine fu utilizzato per la prima volta da Aimé Guerlain, il quale nel 1889 utilizzò proprio una piramide per descrivere una delle sue creazioni, Jicky. Ogni fragranza si va a classificare a seconda del grado di volatilità e persistenza delle note che la compongono. 

    ●Piramide olfattiva: come si legge? 

Ogni profumazione è composta dalle note di testa, in cima alla piramide, dalle note di cuore, nel mezzo, e dalle note di fondo, le più persistenti. La piramide olfattiva va letta dall’alto verso il basso e indica tutte le sfaccettature presenti in una fragranza. Man mano che un profumo evapora emana una nuova sfumatura. Quando si mischiano le note olfattive per creare un profumo, queste si trasformano in accordi. 

●Note di Testa 

Le note di testa sono quelle che si avvertono immediatamente. Proprio nello stesso momento in cui le gocce di profumo sfiorano la nostra pelle.

Si tratta quindi delle note più immediate che si percepiscono subito. Le note di testa, dato che sfumano già qualche minuto dopo aver indossato il profumo, compongono la sua parte più volatile. Le famiglie olfattive più comuni, presenti in cima alla piramide, sono quelle marine e agrumate

    ● Note di Cuore  Note di Cuore 

Le note di cuore iniziano ad essere percettibili dopo qualche minuto e compongono la parte più calda della composizione olfattiva di una fragranza, quella che spesso contraddistingue l’anima della fragranza che indossiamo. Queste note sono percettibili fino a quattro, sei o otto ore dopo la prima nebulizzazione. Nella maggior parte dei casi, le note di cuore, sono composte da accordi olfattivi fruttati o fioriti. 

    ●Note di Fondo 

Le note di fondo rappresentano l’ultima componente della piramide olfattiva. Queste si possono avvertire sulla pelle superate le otto ore, ma anche il giorno dopo aver indossato il profumo. Le profumazioni dalla consistenza più profonda son composte da note speziate, legnose, orientali, gourmand o cuoiate. Le profumazioni dalla consistenza più leggera, invece, son composte da accordi vanigliati, cipriati o muschiati.

    ●Conclusione 

È molto importante conoscere la piramide olfattiva di una fragranza. Porre attenzione alla volatilità delle note di testa, cuore e fondo, ci insegna una cosa fondamentale, ovvero mai giudicare dopo una prima impressione. È anche importante precisare che ogni accordo può essere influenzato dal pH della nostra pelle, però si deve essere consapevoli del fatto che non ci si può fermare alle note di testa per capire un profumo. Inoltre, con il passare del tempo, il profumo cambia man mano che si apre. Per questo motivo è meglio fare più di un tentativo prima di scegliere una fragranza. Non bisogna dar un giudizio affrettato, ma dare alla fragranza tutto il tempo necessario per mostrarsi nella sua completezza.

Lascia un commento